Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | GIOVEDÌ   15  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 20:12
Articolo di Dottrina



RESPONSABILITA' DELL'AVVOCATO



Sui limiti della responsabilità del legale per perdita di chances di vittoria

Giovanni GUIDA

Si anticipa un estratto dell’Approfondimento di diritto Civile che sarà inserito nel fascicolo di luglio-agosto della Rivista cartacea NelDiritto

Corte di Cassazione, Sez. II civile, 5 luglio 2012, n. 11304

Contratto di opera professionale – diligenza – prestatore – valutazione - necessità – criteri

Massima

La diligenza richiesta al professionista - nell’ambito di un contratto di opera professionale, volto a garantire al cliente non già il raggiungimento di un risultato bensì l'espletamento della dovuta diligenza per conseguirlo – deve essere valutata non già mediante un giudizio cristallizzato al momento in cui si sia realizzata la violazione dell’onere di diligenza, ma operandosi una prognosi dei futuri sviluppi difensivi della causa, ovvero tenendo conto della c.d. perdita di chances di vittoria.

Estratto delle motivazioni

[…Omissis…]

1 - Con il primo motivo la ricorrente lamenta innanzi tutto la violazione o falsa applicazione delle norme che regolano l'assunzione dei testimoni, con specifico riferimento all'art. 104 disp. att. cpc, contestando che la parte da lei rappresentata fosse incorsa nella decadenza dal diritto di far assumere la testimonianza dell'indotto teste L..G. atteso che il medesimo, sebbene non intimato, era regolarmente comparso all'udienza fissata per l'escussione anche di altri testi ed era stato quindi sentito all'udienza successiva; in ogni caso poi l'ipotetica decadenza non sarebbe stata eccepita da alcuno né era stata sollevata di ufficio.

1/a — Deduce altresì la parte ricorrente la violazione e falsa applicazione dell'art. 1460 cod. civ. assumendo che l'eccezione di inadempimento non sarebbe invocabile al di fuori dei contratti con prestazioni corrispettive e che in tale novero non sarebbe inquadrabile il contratto di opera professionale; rileva altresì che d'ostacolo alla ritenuta applicabilità di tale norma sarebbe anche il fatto che la propria prestazione sarebbe stata integralmente resa; sottolinea infine le conseguenze logicamente non sostenibili alle quali si perverrebbe se si affermasse il diritto del cliente di sospendere il pagamento del corrispettivo senza una verifica dell'effettiva incidenza dannosa, sull'esito della causa, della - erroneamente ritenuta- condotta non diligente del proprio difensore: in proposito adduce che la società dalla medesima rappresentata sarebbe risultata vittoriosa nei giudizi in cui era stata – inizialmente - patrocinata da essa ricorrente; fa infine derivare, dalla mancanza di alcun pregiudizio per la propria rappresentata, l'applicabilità del disposto dell'art. 1460, II comma, cod. civ., ingiustamente pretermesso dalla Corte del merito.

2 - Con il secondo motivo viene denunziato il vizio di omessa pronunzia in cui sarebbe incorso il giudice di appello non esaminando il motivo di gravame con cui si metteva in evidenza - in via subordinata rispetto alle difese sopra esaminate- che l'eccezione di inadempimento era stata sollevata solo relativamente ad uno dei due giudizi riuniti e quindi, a tutto voler concedere, non avrebbe potuto esimere la cliente dal corrispondere il dovuto per i compensi per l'altro procedimento; le spese vive poi avrebbero dovuto essere comunque riconosciute.

3 - Con il terzo motivo si adduce un vizio di motivazione - nella sua triplice manifestazione contemplata dall'art. 360, I comma, n. 5 c.p.c. - sugli stessi punti toccati dalle precedenti censure.

— Il primo ed il terzo motivo - da esaminarsi congiuntamente per la loro stretta connessione logica - sono fondati; il secondo ne risulta assorbito.

4 — In via preliminare ritiene la Corte che la ricorrente non abbia offerto alcun argomento idoneo a al fine di disattendere il principio secondo il quale l'art. 1460 cod. civ. è applicabile anche nel caso di contratto di opera professionale, laddove sia riscontrabile un'apprezzabile violazione dell'obbligo di diligenza professionale nell'espletamento dello stesso (cfr. Cass. Sez. II, n. 11728/2002) dal momento che la caratteristica - peraltro tendenziale: cfr, in motivazione, Cass. Sez. Ili, n. 5325/1993; Cass. Sez. III, n. 4044/1994 in cui si svolgono critiche alla bipartizione tradizionale tra obbligazioni di mezzi e di risultato - del tipo negoziale disciplinato dagli artt. 2229 e segg. c.c., costituita dall'idoneità di dar vita alla c.d. obbligazione di mezzi anziché di risultato, non influisce sull'elemento essenziale - al fine dell'applicabilità dell'exceptio inadimplenti non est adimplendum - rappresentato dal nesso sinallagmatico tra prestazione del professionista ed obbligo del cliente di pagare il corrispettivo;

4/b - Deve altresì negarsi che la forma di autotutela stabilita dall'art. 1460 cod. civ. sia limitata all'ambito negoziale e che la stessa non possa essere utilizzata laddove l'obbligazione del professionista sia oramai eseguita: invero, se il termine 'autotutela' appare più consono ad un rapporto svolgentesi al di fuori del processo, la sistematica e la genesi della disposizione in esame sono perfettamente compatibile con la sua utilizzazione in ambito giudiziale, sub specie di eccezione (cfr. Cass. Sez. II n. 8314/2003; Cass. Sez. III n. 1944/1977; Cass. Sez. III, n. 2353/1974, che hanno altresì sottolineato la non necessità di un previo esercizio in sede negoziale della eccezione di cui trattasi, quale condizione per dedurla in giudizio).

4/c - Stabilita come precede l'applicabilità della speciale forma di autotutela negoziale disciplinata dall'art. 1460 cod. civ. anche ai contratti d'opera intellettuale, priva di argomentazione si rivela l'affermazione secondo la quale essa non sarebbe invocabile allorquando la prestazione fosse stata già resa: in contrario l'esecuzione uno latere della prestazione costituisce il presupposto della tutela di cui si parla che non avrebbe senso invocare laddove non vi fosse già un credito - derivante appunto dalla parziale esecuzione del contratto- contro la cui realizzazione opporsi.

5 - Erroneamente invece la Corte del merito ha valutato l'inadempimento del quale si sarebbe reso responsabile l'avv. G. , da un lato rapportandolo alla singola carenza di diligenza e dall'altro non esattamente valutandone l'incidenza sul successivo corso del giudizio.

5/a - Va innanzi tutto precisato che, mentre non sono contestate: l'omessa citazione del teste; la sua mancata comparizione all'udienza del 30 giugno 2000, fissata per l'audizione, poi avvenuta, di altri testimoni della parte patrocinata dall'avv. G. ; la valutazione di decisività della testimonianza stessa; l'assunzione del teste all'udienza del 19 febbraio 2001, successiva alla comunicazione di rinunzia all'incarico (con missiva del 1 dicembre 2000) da parte dell'attuale ricorrente, sussistono divergenti prospettazioni in merito al tenore dell'ammissione del teste - 'con riserva' secondo la società contro ricorrente; senza tale indicazione, secondo l'avv. G. - e la proposizione dell'eccezione di decadenza - affermata dalla contro ricorrente e negata dalla ricorrente;

5/b - Tali circostanze controverse peraltro non influiscono sulla definizione di inadempimento imputata all'avv. G. , dal momento che, sia che la decadenza fosse stata eccepita - sicuramente peraltro non nell'udienza deputata all'audizione del teste G. - o fosse stata rilevata d'ufficio, rimaneva pur sempre la considerazione che il testimone fu sentito successivamente: erroneamente la Corte del merito pertanto ha ritenuto che si potesse prescindere dalla valutazione dell'ulteriore esito del giudizio - successivo cioè dal recesso dell'avv. G. dal mandato professionale - al fine di enucleare un fatto di inadempimento.

6 - Sul punto va osservato infatti che la caratteristica peculiare del contratto di opera professionale, volto a garantire al cliente non già il raggiungimento di un risultato bensì l'espletamento della dovuta diligenza per conseguirlo, non può produrre l'effetto - come espressamente invece statuito dalla Corte territoriale - di cristallizzare ogni giudizio delibativo in merito alla violazione dell'onere di diligenza al momento in cui esso si sia concretizzato, influendo invece sulla valutazione dell'idoneità della prestazione a soddisfare l'interesse del cliente ad un diligente svolgimento dell'incarico professionale.

6/a - Tale approccio interpretativo non significa peraltro - come invece obiettato dalla società contro ricorrente, che ha messo in rilievo come non sia stato chiesto anche il risarcimento del danno come conseguenza della deroga alla dovuta diligenza - illegittimamente spostare l'esame della diligenza dalla condotta alle conseguenze della stessa, vale a dire al pregiudizio, per l'esito della causa e quindi per gli interessi del cliente, che dalla carenza di diligenza sarebbe originato: va infatti sottolineato che la violazione dell'obbligo della diligenza del professionista va rapportato all'idoneità dell'attività dallo stesso prestata ad incidere sugli interessi del cliente e quindi deve concretare un inadempimento in ciò rilevante ma, ripetesi, per poter giudicare tale rilevanza deve operarsi una prognosi dei futuri sviluppi difensivi della causa - la c.d. perdita di chances di vittoria.

7 - Conferma l'approdo interpretativo appena riportato anche la considerazione che la ritenuta applicabilità dell'art. 1460 cod. civ. alla carenza di diligenza nell'espletamento dell'incarico professionale comporta anche la verifica che il rifiuto della parte adempiente non sia contrario a buona fede e quindi inidoneo, a mente del secondo comma dell'indicata disposizione, a legittimare l'esercizio dei poteri di autotutela; espungendo invece dalla valutazione della condotta diligente cui il professionista è tenuto, la concreta incidenza della stessa sull'esito della causa, verrebbe meno la possibilità stessa di qualificare in termini di deroga alla buona fede l'esercizio del potere di autotutela in esame.

8 - La gravata decisione è dunque incorsa nell'erronea interpretazione dell'ambito applicativo delle norme sopra esaminate, risultando altresì carente di adeguata motivazione nel dar ragione delle soluzioni interpretative adottate.

[…Omissis…]

Commento

La vicenda portata all’attenzione della Suprema Corte scaturisce dall’opposizione che un cliente pone in essere al decreto ingiuntivo con il quale un legale richiede la corresponsione degli onorari relativi a due controversie. L’opponente eccepisce, in particolare, che l’avvocato avrebbe omesso di citare, in una delle due controversie, un teste decisivo, di cui aveva peraltro ottenuto l’ammissione. Il Giudice di primo grado respinge l’opposizione, valorizzando la circostanza che il succitato teste comunque sarebbe stato sentito nell'udienza successiva alla revoca del mandato professionale. La decisione viene ribaltata in Appello, sul rilievo che l’omessa citazione del teste ha costituito inadempimento agli obblighi di diligenza e che, conseguentemente, risulta indifferente - essendosi già concretizzato l'inadempimento – la circostanza che successivamente lo stesso testimone fosse stato sentito. Contro la decisione della Corte d’Appello ha proposto ricorso l’avvocato, che si è visto, in secondo grado, revocato il predetto decreto ingiuntivo.

La sentenza della Cassazione, in rassegna, ci consente di fare, seppur brevemente, il punto su alcuni profili della responsabilità del legale.

Nella dottrina più risalente[1], la responsabilità dell’avvocato aveva uno statuto fortemente derogatorio rispetto ai principi generali stabiliti in tema di colpa civile, sulla base dell’assunto dell’insidacabilità dell’attività intellettuale in senso stretto. Con la conseguenza dell’impossibilità di ipotizzare un qualsivoglia addebito in capo al legale, che avesse perduto la causa, in quanto, come ricorda il Giorgi[2], «lites habent sua sidera».

Quest’orientamento è stato progressivamente superato[3], gravando il prestatore di opera professionale di obblighi informativi, in favore del proprio cliente sulle possibilità di successo della controversia. In giurisprudenza[4] si è successivamente affermato che l'avvocato è responsabile in base al parametro della colpa lieve del buon professionista (art. 1176 c.c.), non potendo invocare la limitazione di responsabilità alla sola colpa grave, salvo il caso in cui dimostri la «speciale difficoltà» dei problemi tecnici (art. 2236 c.c.). Con la conseguenza, per quanto qui maggiormente interessa, che la responsabilità del legale vada esclusa per l'«interpretazione di leggi» e le «questioni opinabili», ove non risulti il dolo o la colpa grave[5].

...omissis...


[1] Cfr. in via esemplificativa MAIORCA, voce Colpa civile (teoria generale), in Enc. Dir., VII, Milano, 1960, 611 ss.

[2] GIORGI, Teoria delle obbligazioni, V, 2a ed., Firenze, 1886, 210

[3] SANTORO-PASSARELLI, voce Professioni intellettuali, in Noviss. Digesto It., XIV, Torino, 1967, 25

[4] Cass. civ., 23 aprile 2002, n. 5928.

[5] Cass. civ., 11 agosto 2005, n. 16846.






Condividi