Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | VENERDÌ   22  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 1:26
Testo del provvedimento

DIRITTI REALI DI GODIMENTO
CC Art. 903


ACQUISTO IURE SERVITUTIS DEL DIRITTO A MANTENERE LUCI SUL MURO COMUNE




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE - ORDINANZA 9 novembre 2018, n.28804
ANNOTAZIONE
Con la pronuncia segnalata la Corte di cassazione afferma che può essere acquisito iure servitutis il diritto di mantenere luci sul muro divisorio comune.
In particolare, una servitù di luce con riguardo ad una apertura in un muro in comproprietà può essere acquistata o in virtù di convenzione fra i proprietari dei fondi finitimi, ovvero per usucapione, in virtù del disposto ex art. 903 c.c. Tale norma, oltre a consentire, al primo comma, l’apertura al proprietario di luci nel muro proprio contiguo al fondo altrui, stabilisce, al secondo comma, la regola di ordine generale in forza della quale se il muro è comune nessuno dei due proprietari può aprire luci senza il consenso dell’altro. Di conseguenza, il diritto a mantenere le luci può essere in tale ipotesi diversamente acquisito iure servitutis.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA