Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | GIOVEDÌ   13  DICEMBRE AGGIORNATO ALLE 23:19
Testo del provvedimento

SANZIONI AMMINISTRATIVE


La Corte di cassazione individua il giustificato motivo oggettivo al ricorrere del quale il proprietario del veicolo non incorre in responsabilità per omessa comunicazione dei dati personali e della patente del guidatore.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE - SENTENZA 29 novembre 2018, n.30939
MASSIMA
Ai sensi dell’art. 126 bis, comma 2, Codice della strada, come modificato dall’art. 2, comma 164, lett. b), del d.l. n. 262 del 2006, conv. in legge n. 286 del 2006, ai fini dell’esonero del proprietario di un veicolo dalla responsabilità per la mancata comunicazione dei dati personali e della patente del soggetto che lo guidava all’epoca del compimento di una infrazione, possono rientrare nella nozione normativa di “giustificato motivo” soltanto il caso di cessazione della detenzione del detto veicolo da parte del proprietario o la situazione imprevedibile e incoercibile che impedisca allo stesso di sapere chi conducesse il mezzo in un determinato momento, nonostante egli abbia dimostrato di avere adottato misure idonee, esigibili secondo criteri di ordinaria diligenza, a garantire la concreta osservanza del dovere di conoscere e ricordare nel tempo l’identità di chi si avvicendi nella guida.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA