Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | VENERDÌ   14  DICEMBRE AGGIORNATO ALLE 0:10
Testo del provvedimento

PROTEZIONE UMANITARIA


La riscontrata non individualizzazione dei motivi umanitari non può essere surrogata dalla situazione generale del Paese.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE - ORDINANZA 5 dicembre 2018, n.31480
MASSIMA
La riscontrata non individualizzazione dei motivi umanitari non può essere surrogata dalla situazione generale del Paese, perché, altrimenti, si finirebbe per prendere in considerazione non già la situazione particolare del singolo soggetto, ma, piuttosto, quella del suo Stato di origine, in termini del tutto generali e astratti, tenuto altresì conto che il parametro dell’inserimento sociale e lavorativo dello straniero in Italia può essere valorizzato, come presupposto della protezione umanitaria, non come fattore esclusivo, ma come circostanza che può concorrere a determinare una situazione di vulnerabilità personale.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA