Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | DOMENICA   25  AGOSTO AGGIORNATO ALLE 2:24
Testo del provvedimento

CRITERI DI RIPARTO DELLA COMPETENZA


Il giudice munito di giurisdizione, per le decisioni sui minori trasferiti all’estero, è quello del luogo in cui questi ha la residenza abituale.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZIONI UNITE - SENTENZA 13 dicembre 2018, n.32359
MASSIMA
In caso di trasferimento o di mancato ritorno illecito del minore, le Autorità dello Stato in cui il minore aveva la residenza abituale immediatamente prima del suo trasferimento o del suo mancato ritorno conservano la competenza fino al momento in cui il minore abbia acquisito una residenza abituale in un altro Stato.
La regola fondamentale posta dalla Convenzione del 1996 è, dunque, quella che individua la competenza giurisdizionale in riferimento al criterio della residenza abituale del minore al momento della proposizione della domanda, dovendosi privilegiare il rapporto di prossimità, id est il criterio di vicinanza, del minore stesso al giudice che deve decidere sulle modalità della sua vita.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA