Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MERCOLEDÌ   17  LUGLIO AGGIORNATO ALLE 3:17
Testo del provvedimento

DIRITTO ALLA RAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO


Diritto alla ragionevole durata del processo.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE - ORDINANZA 26 ottobre 2018, n.27251
MASSIMA
Il diritto alla ragionevole durata del processo, quale diritto fondamentale della persona, non è disponibile, né suscettibile di conciliazione, a differenza del diritto all'equa riparazione per durata irragionevole ex lege Pinto (legge 89/2001), che, quale diritto patrimoniale, è soggetto alla disciplina della mediazione finalizzata alla conciliazione, in aderenza alla “ratio” di deflazione del contenzioso giudiziario.
Pertanto, la domanda di mediazione comunicata entro il termine semestrale impedisce, “per una sola volta”, la decadenza dal diritto di agire per l'equa riparazione, potendo quest'ultimo essere ancora esercitato, ove il tentativo di conciliazione fallisca, entro il medesimo termine di sei mesi, decorrente “ex novo” dal deposito del verbale negativo presso la segreteria dell'organismo di mediazione.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA