Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | LUNEDÌ   18  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 4:48
Testo del provvedimento

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (REATI CONTRO LA -ARTT. 314-356 C.P.)
CP Art. 337


RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE: VIOLENZA E RESISTENZA PASSIVA




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. VI PENALE - SENTENZA 1 febbraio 2019, n.5209
MASSIMA
Il delitto di resistenza a un pubblico ufficiale presuppone il ricorso alla violenza o alla minaccia, finalizzate ad opporsi al compimento dell’atto d’ufficio.
La violenza, in particolare, implica l’uso della forza fisica che deve essere funzionale alla realizzazione dell’intendimento oppositivo, fermo restando che non ricorre il delitto contestato allorché l’atto del divincolarsi si risolva in una mera resistenza passiva, caratterizzata da un uso moderato della forza, non specificamente diretto contro il pubblico ufficiale e dunque tale da esprimere la volontà di non collaborare al compimento dell’atto.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA