Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | GIOVEDÌ   25  APRILE AGGIORNATO ALLE 16:18
Testo del provvedimento

CONCORSO


Astensione obbligatoria dei componenti di una commissione di concorso




TAR LAZIO - SENTENZA 25 gennaio 2019, n.999
MASSIMA
Le cause di incompatibilità e di astensione del giudice, codificate dall'art. 51 c.p.c., sono estensibili ed applicabili, in omaggio al principio costituzionale di imparzialità, ad ogni campo dell'azione amministrativa, e segnatamente, quando manchi una disciplina specifica propria, alla materia dei concorsi pubblici e alle relative commissioni, dato che nella composizione di queste ultime particolarmente rilevano esigenze di trasparenza, obiettività e terzietà di giudizio, nonché rileva nella specie il richiamo più generale all'imparzialità amministrativa, intesa come standard e come precetto primario che impone di prevenire situazioni suscettive di ostacolare la serenità e l'equanimità di giudizio in una procedura concorsuale pubblica. (Fattispecie in cui il Tar Lazio ha rilevato che la particolare vicinanza tra il commissario e il concorrente, non declinabile in termini di generico rapporto di ufficio, ma qualificata dalla grave circostanza che entrambi operavano nel medesimo dipartimento o area di insegnamento nell’ambito dello stesso istituto scolastico, produce eo ipso un’evidente ipotesi di astensione obbligatoria ex art. 51 c.p.c.).



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA