Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MARTEDÌ   22  OTTOBRE AGGIORNATO ALLE 2:48
Testo del provvedimento

PROPRIETÀ E BENI


Confini tra mutatio ed emendatio libelli nei giudizi aventi ad oggetto il diritto di proprietà.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE - SENTENZA 12 dicembre 2018, n.32146
MASSIMA
Esorbita dai limiti di una consentita emendatio libelli il mutamento della causa petendi che consista in una vera e propria immutazione dei fatti costitutivi del diritto fatto valere in giudizio, in guisa tale da introdurre nel processo un tema di indagine e di decisione nuovo, perché fondato su presupposti diversi da quelli prospettati nell'atto introduttivo del giudizio, così da porre in essere una pretesa diversa da quella fatta valere in precedenza.
Pertanto è inammissibile la domanda formulata in comparsa conclusionale e fondata su una pretesa violazione del diritto di proprieta' esclusiva, mentre nell'atto introduttivo del giudizio la domanda era stata basata su un uso della cosa comune non conforme al dettato dell'articolo 1102 c.c.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA