Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | VENERDÌ   22  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 1:49
Testo del provvedimento

PROCESSO PENALE


IL GIUDICE INVESTITO DELLA RICHIESTA DI PATTEGGIAMENTO NON PUÒ RILEVARE LA MANCANZA DELL’AVVISO ALL’IMPUTATO DELLA FACOLTÀ DI FARSI ASSISTERE DA UN DIFENSORE PRIMA DELL’ALCOOLTEST




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. IV PENALE - SENTENZA 7 marzo 2019, n.10081
MASSIMA
La richiesta di applicazione concordata della pena, presupponendo la rinuncia a far valere qualunque eccezione di nullità, anche assoluta, diversa da quelle attinenti alla richiesta di patteggiamento ed al consenso ad essa prestato, comporta che il giudice investito della stessa non possa rilevare, ai sensi dell’art. 129 cod. proc. pen., in caso di contestazione del reato di cui all’art. 186 Cds, sia in caso di effettuazione dell’esame che di rifiuto dello stesso, la mancanza dell’avviso all’imputato ex art. 114 disp. att. cod. proc. pen. della facoltà di farsi assistere da un difensore prima dell’alcooltest, trattandosi di nullità relativa sanata con la richiesta di patteggiamento.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA