Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MERCOLEDÌ   20  MARZO AGGIORNATO ALLE 12:3
Testo del provvedimento

OMISSIONE


È RESPONSABILE DI OMICIDIO COLPOSO LA PROPRIETARIA DI UN ALBERO SECOLARE CONTRO CUI HA IMPATTATO L’AUTO DELLA VITTIMA?




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. IV PENALE - SENTENZA 12 marzo 2019, n.10850
MASSIMA
In capo alla proprietaria di un albero secolare ad alto fusto, posto a distanza inferiore a sei metri dal confine della strada, non sussiste alcun obbligo di rimuoverlo né di proteggerlo.




ANNOTAZIONE
È responsabile del reato di omicidio colposo la proprietaria di un albero secolare ad alto fusto, posto a distanza inferiore a sei metri dal confine della strada, contro il quale ha impattato l’autovettura della vittima?
La Corte di Appello di Lecce, sezione distaccata di Taranto, ha dichiarato la penale responsabilità della proprietaria dell’albero, poiché, quale titolare di posizione di garanzia, non aveva rimosso il predetto albero, essendo prescritto che gli alberi ad alto fusto siano a distanza non inferiore a sei metri dal confine della strada, né lo aveva protetto con un guardrail.
La Suprema Corte, con la pronuncia in epigrafe, ha ritenuto non sussistente in capo all’imputata l’obbligo di rimuovere né tantomeno quello di proteggere il predetto albero.
L’insussistenza di tali obblighi emerge, quanto al primo, dall’analisi delle disposizioni di cui agli artt. 16, comma 1, lett. c) Cod. str. e 26, comma 6, del regolamento di attuazione del Cod. str. che consente di desumere che le prescrizioni ivi contenute non si riferiscono agli impianti già eseguiti, quale è l’albero in questione – è un albero secolare -, ma a quelli da eseguire.
Quanto all’obbligo di proteggere l’albero con un guardrail, i Giudici di legittimità hanno chiarito che un obbligo di tal tipo è posto a carico dell’ente proprietario della strada e non certo del proprietario del fondo contiguo alla sede stradale.
Alla luce di tali considerazioni, la Suprema Corte ha escluso la responsabilità della proprietaria dell’albero secolare per il reato di omicidio colposo.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA