Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | GIOVEDÌ   14  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 22:33
Testo del provvedimento

PROCESSO PENALE


QUANDO PUÒ PARLARSI DI FLAGRANZA DI REATO?




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V PENALE - SENTENZA 21 febbraio 2019, n.7913
MASSIMA
La flagranza è caratterizzata dalla contestualità tra il reato e l’accertamento di polizia, nel senso che la percezione del reato – da parte di chi procede all’arresto – deve essere diretta e non mediata da terze persone (neppure da parte della vittima). La percezione è diretta, però, anche quando è desunta da fatti obbiettivi, quali sono il possesso – da parte del reo – di “cose” che colleghino il soggetto al reato, ovvero quando vi siano “tracce” che consentano di stabilire lo stesso collegamento.
Dal che si arguisce che, per potersi parlare di flagranza, è sufficiente che siano desumibili, dal contesto, elementi che provino, inequivocabilmente, la commissione di un reato (per il quale è consentito l’arresto in flagranza) e di attribuirlo con certezza ad un soggetto determinato.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA