Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MARTEDÌ   12  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 6:53
Testo del provvedimento

REATI TRIBUTARI


OMESSO VERSAMENTO IVA: LE CONDIZIONI DI RILEVANZA DELLA CRISI DI LIQUIDITÀ




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III PENALE - SENTENZA 25 marzo 2019, n.12906
MASSIMA
Il reato di omesso versamento IVA di cui all’art. 10 ter d.lgs. n. 74 del 2000 è integrato dalla scelta consapevole di omettere i versamenti dovuti, non rilevando la circostanza che la società attraversi una fase di criticità e destini risorse finanziarie per far fronte al pagamento di debiti ritenuti più urgenti.
Tale elemento rientra nell’ordinario rischio d’impresa e non può certamente comportare l’inadempimento dell’obbligazione fiscale contratta con l’erario; può, tuttavia, rilevare come causa di forza maggiore di cui all’art. 45 cod. pen., solo se siano assolti gli oneri di allegazione idonei a dimostrare non solo l’asserita crisi di liquidità, ma anche che detta crisi non sarebbe stata fronteggiabile tramite il ricorso ad apposite procedure da valutarsi in concreto, non ultimo il ricorso al credito bancario.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA