Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MERCOLEDÌ   13  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 1:11
Testo del provvedimento

CAUSA DI ESCLUSIONE DELLA PUNIBILITÀ PER PARTICOLARE TENUITÀ DEL FATTO
CP Art. 131 bis


INAPPLICABILITÀ DELLA PARTICOLARE TENUITÀ DEL FATTO AL DELITTO PERMANENTE DI OCCUPAZIONE ABUSIVA DI IMMOBILE PUBBLICO




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II PENALE - SENTENZA 29 marzo 2019, n.13765
MASSIMA
Non è applicabile la causa di non punibilità di cui all’art. 131 bis cod. pen. nelle ipotesi di occupazioni abusive di immobili pubblici con funzione sociale con condotte permanenti al momento dell’emissione della pronuncia di condanna; al proposito ostano, infatti, oltre alla perdurante aggressione al bene giuridico protetto (patrimonio immobiliare pubblico) in atto ancora al momento della condanna, le gravi conseguenze arrecate dalla condotta delittuosa alla non destinabilità dei predetti beni alla loro funzione sociale. Invero, l’occupazione di immobili pubblici priva sia l’ente titolare che i cittadini destinatari del servizio pubblico della loro disponibilità, altera la procedura di assegnazione degli stessi ai soggetti più bisognosi ed integra, quindi, un concreto fenomeno di alterazione dei procedimenti amministrativi di assegnazione che obbliga la pubblica amministrazione ad intervenire attraverso costose procedure di sgombero ovvero a sopportare sine die l’occupazione sine titulo subendo anche gravi pregiudizi economici.
Tali valutazioni escludono quindi la possibilità di ritenere tenue l’offesa arrecata attraverso il delitto permanente di occupazione di immobile pubblico.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA