Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MERCOLEDÌ   13  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 18:31
Testo del provvedimento

LIBERTÀ MORALE (REATI CONTRO LA –ARTT. 610-613)
CP Art. 612


MINACCIA: VALUTAZIONE DELL’OFFENSIVITÀ IN CONCRETO DI UNA FRASE




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V PENALE - SENTENZA 2 aprile 2019, n.14373
MASSIMA
Alle frasi “ti sputtanerò in tutte le televisioni... ti seguirò sempre... gli starò sempre dietro” non può assegnarsi il valore e il significato di una minaccia, posto che il male prospettato, per un verso, non assume il carattere dell’ingiustizia non alludendo a una denuncia falsa ma solo all’intenzione di rendere pubblico il comportamento di cui l’imputato si ritiene vittima, e, per altro verso, non rientra nella sfera di disponibilità dell’agente, essendo l’accesso al mezzo televisivo certamente estraneo al potere di controllo dell’imputato.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA