Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MERCOLEDÌ   17  LUGLIO AGGIORNATO ALLE 2:26
Testo del provvedimento

CONTRATTI – CONTRATTI IN GENERALE


Non può aversi nullità del preliminare di vendita per mancata indicazione degli estremi del titolo edilizio.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE - ORDINANZA 7 marzo 2019, n.6685
MASSIMA
La sanzione della nullità ex art. 40 della L. n. 47 del 1985, prevista con riferimento a vicende negoziali relative a immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria quale il preliminare di vendita, come desumibile dallo stesso tenore letterale della norma e dalla circostanza che successivamente alla stipula del preliminare può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi. In queste ipotesi rimane esclusa la sanzione della nullità per il successivo contratto definitivo di vendita, ovvero si può far luogo a sentenza ex art. 2932 c.c.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA