Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | GIOVEDÌ   14  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 22:37
Testo del provvedimento

CIRCOSTANZE


CIRCOSTANZE: OMISSIONE DEL GIUDIZIO DI BILANCIAMENTO E RIDETERMINAZIONE DELLA PENA DA PARTE DEL GIUDICE DI APPELLO




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V PENALE - SENTENZA 15 aprile 2019, n.16354
MASSIMA
L’art. 69 cod. pen. impone il giudizio di comparazione fra circostanze aggravanti e circostanze attenuanti, sicché, qualora la pena sia stata erroneamente determinata omettendo tale giudizio di bilanciamento ed operando la riduzione, per effetto delle attenuanti generiche, non già sulla misura edittale relativa all’ipotesi base del reato (nel caso di specie quello di furto), bensì su quella dell’ipotesi aggravata, il giudice d’appello chiamato a pronunciarsi sulla relativa impugnazione deve dar luogo alla rivalutazione del procedimento commisurativo della sanzione, correggendo direttamente il calcolo.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA