Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MARTEDÌ   16  LUGLIO AGGIORNATO ALLE 15:12
Testo del provvedimento

CONTRATTI ATIPICI


Il contratto di factoring rientra nella nozione di servizio pubblico e postula l'indizione di una gara per la scelta della controparte.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE - SENTENZA 24 aprile 2019, n.11202
MASSIMA
Il contratto di factoring, in quanto servizio finanziario oneroso, rientra nella nozione di servizio pubblico sia sul piano testuale sia sul piano funzionale e dunque richiede, per la pubblica amministrazione, una scelta della controparte che presenti l'offerta economicamente più vantaggiosa, ovvero quello che offra il corrispettivo più vicino all'importo del credito. In questo modo si consente alle imprese finanziarie o bancarie di concorrere fra loro, non essendo accettabile un incarico fiduciario senza gara, che si riduce in una arbitraria riduzione dell'attività patrimoniale dell'ente pubblico, ceduto al privato senza qualsiasi condizione di trasparenza ed imparzialità.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA