Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | GIOVEDÌ   14  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 8:18
Testo del provvedimento

STUPEFACENTI
CONCORSO DI PERSONE


QUANDO SI CONFIGURANO LA CONNIVENZA E IL CONCORSO PER IL CONVIVENTE CON IL DETENTORE AI FINI DI SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI?




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III PENALE - SENTENZA 2 maggio 2019, n.18015
MASSIMA
In tema di detenzione di sostanze stupefacenti, nell’ipotesi di convivenza all’interno dello stesso immobile, colui che coabiti con il soggetto autore di attività di “spaccio” di sostanze stupefacenti ne risponde a titolo di concorso ove abbia quanto meno agevolato la detenzione della sostanza, mentre non ne risponde se si sia limitato a conoscere di tale attività, essendo necessario, quindi, un contributo causale in termini, sia pur minimi, di facilitazione della condotta delittuosa, non integrato dalla semplice conoscenza o anche dall’adesione morale, che si traduca nell’assistenza inerte e priva di iniziative all’altrui condotta delittuosa.
È, pertanto, escluso il concorso del convivente ex art. 110 c.p. in ipotesi di semplice comportamento negativo ed inerte di quest’ultimo che si limiti ad assistere passivamente alla perpetrazione del reato e non ne impedisca od ostacoli in vario modo l’esecuzione, giacché il solo comportamento omissivo di mancata opposizione alla detenzione in caso di droga da parte di altri non costituisce segno univoco di partecipazione morale. Di contro, per la configurazione del concorso, occorre un quid pluris rispetto alla mera consapevolezza della detenzione delle sostanze stupefacenti da parte del convivente e, dunque, una volontà di adesione all’altrui attività criminosa, ad integrare la quale è sufficiente una qualsiasi forma agevolativa della detenzione, che può manifestarsi nelle modalità più varie, comprendenti anche soltanto l’occultamento ed il controllo della droga custodita nell’immobile comune, così da assicurare all’agente una certa sicurezza, ovvero garantendogli, anche implicitamente, una collaborazione su cui questi, in caso di bisogno, può contare, e comunque rivelatrice di un previo accordo sulla detenzione.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA