Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MARTEDÌ   22  OTTOBRE AGGIORNATO ALLE 3:15
Testo del provvedimento

PRELAZIONE


Criteri di riparto della giurisdizione in caso di prelazione agraria su fondi rustici di proprietà di un ente pubblico.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZIONI UNITE - ORDINANZA 2 maggio 2019, n.11582
MASSIMA
Qualora un fondo rustico di proprietà di un ente pubblico venga aggiudicato in esito ad asta pubblica, condizionatamente al mancato esercizio del diritto di prelazione agraria da parte dell'affittuario coltivatore diretto e, successivamente, a seguito dell'esercizio di tale prelazione, venga trasferito a detto affittuario, la controversia con la quale l'aggiudicatario chieda il riconoscimento della propria qualità di acquirente e contesti i presupposti di quella prelazione, ancorchè promossa sotto il profilo della illegittimità dei provvedimenti con cui l'ente pubblico ha disposto l'indicato successivo trasferimento, spetta alla cognizione del giudice ordinario e non a quella del giudice amministrativo in sede di giurisdizione di legittimità, atteso che investe posizioni di diritto soggettivo che discendono da rapporti di natura privatistica e che non sono suscettibili di degradazione o di affievolimento per effetto dei suddetti provvedimenti.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA