Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | VENERDÌ   15  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 6:10
Testo del provvedimento

PENA


LE CONDIZIONI ECONOMICHE DELL’IMPUTATO NON RILEVANO AI FINI DELLA CONVERSIONE DELLA PENA DETENTIVA IN PECUNIARIA




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V PENALE - SENTENZA 13 maggio 2019, n.20524
MASSIMA
La richiesta di conversione della pena detentiva in pena pecuniaria non può essere rigettata dal giudice, in presenza dei requisiti richiesti dalla legge, sulla scorta delle condizioni economiche dell’imputato che non depongono per l’adempimento della pena pecuniaria. La prognosi di inadempimento, ostativa alla sostituzione in forza dell’art. 58, secondo comma, L. 24 novembre 1981, n. 689, si riferisce soltanto alle pene sostitutive di quella detentiva accompagnate da prescrizioni, ossia alla semidetenzione e alla libertà controllata, e non alla pena pecuniaria sostitutiva, che non prevede alcuna particolare prescrizione.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA