Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MERCOLEDÌ   20  NOVEMBRE AGGIORNATO ALLE 18:45
Testo del provvedimento

LIBERTÀ MORALE (REATI CONTRO LA –ARTT. 610-613)
CP Art. 612


MINACCIA




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V PENALE - SENTENZA 22 maggio 2019, n.22467
MASSIMA
Nel reato di minaccia elemento essenziale è la limitazione della libertà psichica mediante la prospettazione del pericolo che un male ingiusto possa essere cagionato dall’autore della vittima, senza che sia necessario che uno stato di intimidazione si verifichi concretamente in quest’ultima, essendo sufficiente la sola attitudine della condotta ad intimorire e irrilevante, invece, l’indeterminatezza del male minacciato, purché questo però sia ingiusto e possa essere dedotto dalla situazione contingente.
Tuttavia, la portata intimidatoria della condotta va valutata in concreto, avendo riguardo sia al tenore delle espressioni verbali sia al contesto nel quale esse si collocano, onde verificare se ed in che misura abbiano ingenerato timore o turbamento nella persona offesa.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA