Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MARTEDÌ   16  LUGLIO AGGIORNATO ALLE 14:39
Testo del provvedimento

RESPONSABILITÀ CIVILE E FATTI ILLECITI (2043 – 2057 C.C.)


Personalizzazione del danno in sede di liquidazione.




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE - SENTENZA 29 maggio 2019, n.14364
MASSIMA
L'operazione di "personalizzazione" del danno, in sede di liquidazione, impone al giudice di far emergere, dandone conto in motivazione, specifiche circostanze di fatto, peculiari al caso sottoposto ad esame, che valgano a superare le conseguenze ordinarie già previste e compensate dalla liquidazione forfettizzata assicurata dalle previsioni tabellari, e ciò in quanto le conseguenze dannose da ritenersi normali e indefettibili secondo l'«id quod plerumque accidit» (ovvero quelle che qualunque persona con la medesima invalidità non potrebbe non subire) non giustificano alcuna personalizzazione in aumento del risarcimento.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA