Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | GIOVEDÌ   27  GIUGNO AGGIORNATO ALLE 2:3
Testo del provvedimento

MISURE DI PREVENZIONE E DI SICUREZZA


Non è sufficiente la denuncia per determinati reati al fine di disporre il divieto di stazionare nelle zone rosse




TAR TOSCANA - SENTENZA 4 giugno 2019, n.823
MASSIMA
Il divieto di stazionare nelle c.d. “zone rosse” della città implica una irragionevole automaticità tra la denuncia per determinati reati e l’essere responsabile di “comportamenti incompatibili con la vocazione e la destinazione” di determinate aree. Al fine di legittimamente disporre misure incidenti su libertà costituzionalmente garantite è necessario che alla denuncia del soggetto interessato (presupposto imprescindibile) si aggiungano altri elementi qualificanti la sua pericolosità, i quali siano concretamente desumibili da precedenti di polizia o altri elementi incontrovertibili.
Ne consegue che non è predicabile in via automatica un comportamento di tal genere in capo a chi sia solamente denunciato per determinati reati.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA