Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MARTEDÌ   22  OTTOBRE AGGIORNATO ALLE 3:57
Testo del provvedimento

PROCESSO PENALE


LA DICHIARAZIONE O L’ELEZIONE DI DOMICILIO HANNO EFFETTI ESTESI ALL’INTERO PROCEDIMENTO PENALE




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V PENALE - SENTENZA 19 settembre 2019, n.38732
MASSIMA
La dichiarazione o l’elezione di domicilio effettuata dalla persona sottoposta alle indagini in relazione ad un procedimento non perde di validità se, nel prosieguo delle indagini, al reato originario – quello che ha comportato la dichiarazione o l’elezione – se ne aggiungano altri, ovvero se intervengano modificazioni nella qualificazione o nella identificazione del “tempus” e del “locus commissi delicti” del reato per cui l’indagato ha fatto la scelta, in quanto l’elezione di domicilio, effettuata ai sensi dell’art. 161 c.p.p. risponde all’esigenza di semplificare i rapporti tra il privato sottoposto ad indagine e l’autorità pubblica procedente, di rendere certa la comunicazione e più efficace il sistema delle notificazioni e non ad informare l’indagato sull’imputazione specifica elevata a suo carico.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA