Giu Sospensione dell'esecuzione
CASSAZIONE, SEZIONE VI - ORDINANZA 08 marzo 2022 N. 7597
Massima
è inammissibile, sia nel regime dell’art. 624 c.p.c. come riformato dalla legge 24 febbraio 2006 n. 52,
quanto in quello successivo di cui alla legge 18 giugno 2009 n. 69, il ricorso per cassazione, ai sensi dell’art. 111 Cost., avverso l’ordinanza che abbia provveduto sulla sospensione dell’esecuzione, nell’ambito di un’opposizione proposta ai sensi degli art. 615, 617 e 619 c.p.c., nonché avverso l’ordinanza emessa in sede di reclamo che abbia confermato o revocato la sospensione o l’abbia concessa, trattandosi nel primo caso di provvedimento soggetto a reclamo ai sensi dell’art. 669 terdecies c.p.c., ed in entrambi i casi di provvedimenti non definitivi, in quanto suscettibili di ridiscussione nell’ambito del giudizio di opposizione» (ex plurimis, tra le più recenti: Cass., Sez. 3, Ordinanza n. 25411 del 10/10/2019, Rv. 655372 – 01; Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 743 del 18/01/2016, Rv. 638218 – 01; Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 1228 del 22/01/2016, Rv. 638416 – 01; Sez. L, Sentenza n. 1176 del 22/01/2015, Rv. 634301 – 01; Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 9371 del 28/04/2014, Rv. 630429 - 01).

Casus Decisus
Nel corso di un procedimento esecutivo per espropriazione immobiliare, Maria Grazia Alessandrini ha proposto opposizione agli atti esecutivi, contestando dapprima la validità della vendita dei beni pignorati avvenuta in data 10 marzo 2020, poi la validità dei relativi successivi decreti di trasferimento e chiedendo, contestualmente, la sospensione della procedura esecutiva. L’istanza di sospensione è stata respinta dal giudice dell’esecuzione, con ordinanza, in relazione alla quale la Alessandrini ha proposto reclamo, ai sensi dell’art. 669 terdecies c.p.c., che il Tribunale di Chieti, in composizione collegiale, ha rigettato. Avverso tale ultimo provvedimento ricorre la Alessandrini, sulla base di tre motivi. Resiste con controricorso Prelios Credit Solutions S.r.l.. È stata disposta la trattazione in camera di consiglio, in applicazione degli artt. 375, 376 e 380 bis c.p.c., in quanto il relatore ha ritenuto che il ricorso fosse destinato ad essere dichiarato inammissibile. È stata quindi fissata con decreto l’adunanza della Corte, e il decreto è stato notificato alle parti con l’indicazione della proposta.

Testo della sentenza
CASSAZIONE, SEZIONE VI - ORDINANZA 08 marzo 2022 N. 7597 Adelaide Amendola

RILEVATO che
Con il presente ricorso straordinario per cassazione,  viene impugnata l’ordinanza del tribunale in composizione collegiale che ha rigettato il reclamo proposto ai sensi dell’art. 669 terdecies c.p.c. avverso il provvedimento del giudice dell’esecuzione che aveva negato la sospensione dell’esecuzione richiesta ai sensi dell’art. 618 e/o 624 c.p.c

[...]

2. Il ricorso è dichiarato inammissibile.

[...]

per questi motivi La Corte:

- dichiara inammissibile il ricorso.

[...]